top of page

Con lo Schioppettino, vitigno autoctono friulano, si brindò copiosamente nel Cividalese al matrimonio Rieppi-Caucig nel 1282. È la prima testimonianza scritta conosciuta e da allora il vino ha percorso i secoli con alterne fortune tanto da essere messo in disparte dopo l’aggressione della fillossera perché escluso dalla corsa ai vitigni internazionali. Solo nel marzo del 1978 venne reintegrato tra i vitigni autorizzati incominciando una risalita verso i posti alti tra i vini rossi di qualità. Il nome pare derivare dello scoppio degli acini maturi – che hanno una buccia molto spessa – sotto la pressione delle dita o dei denti. Le uve vengono utilizzate anche per apportare note speziate nei blend rossi.

 

Abbinamenti

Accompagna in modo impeccabile secondi piatti a base di carne con sughi ed erbe aromatiche specie la selvaggina di piuma e di pelo e il pollo allo spiedo.

Schioppettino - 2019 - Ermacora

€ 14,50Prezzo
  • Denominazione

    Schioppettino Friuli Colli Orientali DOC

    Annata

    2019

    Vinificazione

    Entra in cantina dopo la diraspatura delle uve per affrontare la macerazione in vasche di acciaio inox con rimontaggi e follature per un periodo che varia tra i 10 e i 12 giorni. La svinatura lo separa dalla vinaccia dopo la fermentazione alcolica.

    Evoluzione

    La fermentazione alcolica e quella malolattica vengono concluse in recipienti di acciaio inox dove il vino sosta per almeno dodici mesi per la maturazione. Un piccola parte viene trasferita in botte piccola (barrique) di rovere francese per la maturazione. Segue l’imbottigliamento e, prima della commercializzazione, un affinamento in vetro coricato in locali condizionati.

    Alcool

    13,3%

    Formato

    0,75l

    Esame sensoriale

    Il colore: rosso rubino con evidenti sfumature violacee.
    Al naso: impatto speziato con note di pepe nero e chiodi di garofano che non nascondono sentori di ribes, mirtilli, succo d’arancia e sottobosco.
    In bocca: tannini morbidi che stemperano il sorso e lo rendono appagante verso un finale balsamico dai richiami fruttati

bottom of page